Per cominciare dall’inizio, clicca qui.

Johann Sebastian Bach

Quando si parla della storia del piano, bisogna menzionare Johann Sebastian Bach. Quando Silbermann mostrò per la prima volta a Bach uno dei suoi primi strumenti nel 1736, non gli piacque. Secondo la leggenda, Bach non pensava molto al suo suono. Si diceva che l’avesse distrutto con un’ascia. Bach in seguito vide un nuovo strumento nel 1747 e lo approvò. All’epoca visitava Federico il Grande di Prussia alla sua corte di Potsdam. Improvvisò un’impressionante omposizione in tre parti su un tema suggerito dal re. Lo strumento attirò l’attenzione dei compositori di tutta Europa. La sua fama si estese alle colonie britanniche in America. Avere un pianoforte in casa divenne il culmine della moda per i nobili di alto rango in queste colonie.

Johann Sebastian Bach
Johann Sebastian Bach

La storia del pianoforte – la fine del XVIII e XIX secolo

La seconda metà del XVIII secolo fu caratterizzata da un rapido sviluppo del piano. Numerosi produttori lavorarono l’obiettivo di produrre un suono più potente e sostenuto. I pianoforti inglesi svilupparono un meccanismo più pesante e un volume più alto mentre i pianoforti austriaci avevano un meccanismo più leggero e un timbro più morbido. I primi pianisti iniziarono a esibirsi in pubblico con questa nuova generazione di pianoforti prodotti da Broadwood, Stein, Streicher, Zumpe e Tschudi.

Durante la fine del 18 ° secolo, la produzione di pianoforti fiorì nella scuola viennese che includeva artisti del calibro di Johann Andreas Stein e i produttori viennesi Nannette Streicher e Anton Walter. I pianoforti in stile viennese presentavano cornici in legno, due corde per nota e martelli rivestiti in pelle. Alcuni di questi pianoforti erano dotati di tasti naturali neri e tasti bianchi accidentali, l’opposto dei pianoforti e delle tastiere moderni. Wolfgang Amadeus Mozart ha composto i suoi concerti e le sue sonate per tali strumenti. I pianoforti dell’era Mozart avevano un tono più etereo più morbido rispetto ai pianoforti di oggi o ai pianoforti inglesi e avevano un potere di sostegno minore.

Wolfgang "Amadeus" Mozart
Wolfgang “Amadeus” Mozart

Verso la metà del 18 ° secolo, il romanticismo nelle arti divenne di gran moda e la popolarità del piano aumentò rapidamente. Il romanticismo ha incoraggiato l’espressione delle emozioni attraverso l’arte e, a causa delle caratteristiche espressive del piano, i musicisti l’hanno preferito ad altri strumenti. I compositori iniziarono a comporre più musica per pianoforte e le esibizioni per pianoforte solista nelle sale da concerto erano spesso esaurite. Un’artista noto per le sue straordinarie esibizioni di pianoforte di fronte a centinaia di femmine adoranti è Franz Liszt. Per gli standard di oggi era quello che chiameremmo una superstar musicale.

Come abbiamo già visto nella nostra discussione sulla storia del piano, il piano ha subito enormi invenzioni e miglioramenti nella sua costruzione nel corso degli anni. Ciò ha dato origine a tecniche di gioco più sofisticate, più raffinate e sottili. Ad esempio, vi furono dinamiche più ricche a seguito di corde allungate in diagonale in una cassa armonica, cosa che Loud fece nel 1802. Broadwood inventò la struttura in metallo nel 1815. Erard introdusse la doppia tramoggia e le corde più spesse nel 1822. Pape sostituì il feltro con la pelle dei martelli nel 1826. Nel 1842, Pape aumentò la gamma della tastiera a otto ottave (il piano Streicher di Beethoven arrivò a solo sei ottave e mezzo). Bordò, le corde rinforzate con una barra di metallo nell’anno 1843. Ciò aumentò la loro resistenza ai colpi di martello.

Il pianoforte a coda moderno fu il risultato di tutte queste innovazioni, la meccanica del piano era più equilibrata e reattiva e il tocco della tastiera è stato migliorato. Una grande innovazione è stata la doppia tramoggia. La doppia tramoggia ha permesso la rapida ripetizione delle note e un migliore controllo della dinamica. Le caratteristiche di base del piano così come lo conosciamo oggi sono state stabilite nel 1859, con la prima apparizione del pianoforte a coda da concerto Steinway.

Il pianoforte in America

Gli americani hanno avuto un ruolo nella storia del piano. Furono gli americani a portare il pianoforte, un tempo costoso nelle case delle famiglie della classe media. Il costo dei pianoforti è stato notevolmente ridotto, grazie a nuove tecniche di catena di montaggio e parti di piano standardizzate. Alla fine del 19 ° secolo, lo strumento era un must per ogni famiglia. È stato molto facile conservare il piano a casa, grazie al design verticale funzionale. Non c’erano davvero scuse per non acquistare un piano, con parti di pianoforte prefabbricate realizzate per un facile assemblaggio e cataloghi per corrispondenza con generosi piani di installazione. Il piano divenne molto popolare tra le donne. Le donne sono state incoraggiate ad imparare a suonare il piano. Una donna che sapeva suonare il piano era percepita come una donna raffinata. Qualsiasi donna che sapesse suonare il piano, essere una brava cuoca e avere abilità a punto croce troverebbe il matrimonio in un lampo. È stato un ottimo modo per le donne di guadagnare soldi attraverso le lezioni di piano.

Scott Joplin
Scott Joplin

Durante gli anni 1920, il piano era un segno distintivo per le comunità della classe operaia. Secondo la mostra “Piano 300” presso la Smithsonian a Washington DC, gli afro-americani usavano il pianoforte nei loro servizi di adorazione del Vangelo sin dal dopoguerra. Verso l’inizio del XX secolo, gli afroamericani iniziarono a sperimentare lo strumento. Nuovi stili musicali come ragtime e jazz sono stati creati da nuovi compositori come Scott Joplin. Questi stili sono diventati la base della musica popolare americana nella seconda metà del 20 ° secolo.

La tecnologia moderna e il pianoforte

Con l’invenzione della radio, del fonografo e dell’industria cinematografica, la popolarità del piano fu minacciata. Le vendite di pianoforti calarono nella depressione degli anni ’30, costringendo i produttori a introdurre il pianoforte meccanico, un apparecchio musicale che, grazie a meccanismi pneumatici o elettromeccanici, suona automaticamente, attraverso schede perforate di carta, o più raramente di metallo.

Pianola, o piano automatico.
Pianola, o piano automatico.

I produttori, nel tentativo di stimolare l’interesse per il pianoforte, si sono concentrati sull’economia e sull’aspetto anziché sulla qualità e sulle prestazioni. Negli anni ’40, i grands baby e le spinette erano i modelli pianistici preferiti dai consumatori e lo stesso vale oggi.

Nei tempi moderni il piano digitale vende più del pianoforte a coda (di gran lunga). Numerosi fattori contribuiscono a ciò, tra cui il costo più elevato dei pianoforti a coda, la portabilità dei pianoforti digitali e la presenza di così tante voci e caratteristiche nei pianoforti digitali. Tuttavia, una cosa è certa ed è che il piano e la musica per pianoforte non stanno scomparendo. Il piano è uno degli strumenti più popolari oggi insieme alla chitarra.

Loading...